Non credevo di imparare così tanto!

Francesco Todaro
Francesco Todaro
Professionista Animal Care
11 novembre 2013

Quanto sono varie le ragioni che spingono gli allievi a scegliere i corsi CEF? Tutte le storie che vi raccontiamo, per quanto differenti tra loro, sono sempre caratterizzate da una forte spinta e dalla voglia di crescita.

Ecco la testimonianza di Francesco che, a seguito della perdita del suo amato amico a quattro zampe, ha deciso di diventare Proffessionista Animal Care. La parola a Francesco.


E' un piacere immenso essere considerato un ottimo allievo. Riguardo al vostro utile corso, mi son trovato benissimo. Credo, comunque, che alla base di tutto serva forte motivazione, serietà e costanza nello studio. La mia esperienza è partita da una situazione, a dir poco triste, ma ho ottenuto ciò che desideravo.

Vorrei raccontare la mia esperienza: sono stato contattato dal CEF, dopo un increscioso incidente ossia la morte del mio cucciolo durante una operazione presso  una clinica veterinaria della provincia di Torino: è stato infatti infettato da un bacillo, per morire dopo due giorni di agonia straziante. Fatta l'autopsia, è risultato che l’infezione era dovuta alla scarsa sterilizzazione della sala operatoria, ma questo non mi sembrava esauriente.

Dopo il vostro primo contatto ho deciso di iscrivermi al corso per Professionista Animal Care, mosso da una voglia di capire il mondo animale, dei cani in particolare. Iniziato il mio percorso di studi, ho scoperto che la diagnosi fatta al mio cucciolo era sbagliata e ho chiesto conferma a due veterinari che mi hanno dato ragione. Avevo raggiunto il mio scopo. In pratica la Dottoressa (chiedo scusa ai veri Dottori) aveva sbagliato in maniera plateale la diagnosi; se io avessi avuto delle nozioni questo lo avrei evitato. Per questo motivo ho intrapreso il corso che  all'inizio ho trovato un po’ difficile per i termini tecnici, dovuti alla materia, ma superati dalla voglia crescente di sapere, conoscere e, purtroppo, scoprire un operato malsano.

Non mi viene in mente qualcosa di più appropriato per gridare la mia rabbia, di questi “dottori” che sarebbe più giusto si dedicassero ad altro. La serietà credo di averla dimostrata con il mio operato, la costanza un po' meno devo ancora mandare ultimo lavoro ma provvederò al più presto.

Questa è la mia storia. Sinceramente, non credevo di imparare cosi tanto. Grazie a voi tutti, che siete stati pronti a soddisfare le mie richieste, un grazie al mio tutor, la docente Andreina Bagnara!

Francesco